SCHEDULE
18 Febbraio 2017 @ SENTINELS ISONZO  0-14      L   
11 Marzo 2017 VS DRAGHI UDINE 28-0 W
18 Marzo 2017 VS 29ERS ALTO LIVENZA
8 APRILE 2017 @ ISLANDERS VENEZIA
22 APRILE 2017 VS DRAGHI UDINE
20 MAGGIO 2017 @ 29ERS ALTO LIVENZA



STANDINGS
TEAM W %
29ERS ALTO LIVENZA 1 0 100.0
SENTINELS ISONZO 1 0 100.0
ISLANDERS VENEZIA
1 0 100.0
MULI TRIESTE
1 1 50.0
DRAGHI UDINE 0 2 0.0
________________________________________________________

SEASON PIC By MASSIMILIANO ROSSETTI
mulidraghi1
mulidraghi2
mulidraghi4
mulidraghi5
milidraghi6

_______________________________________________________

11 MARZO 2017 - MULI @ SENTINELS

Mezze
handoff
Massaria
SEASON 2017
______________________________________________

14 Marzo 2017 - Il Derby è dei Muli Trieste


Un’ampia cornice di pubblico saluta la vittoria dei Muli nel derby con i Draghi Udine.
Il “trofeo del Campanile” ritorna quindi – dopo la parentesi dello scorso anno – ai Muli Trieste che nella prima partita casalinga della stagione battono i Friulani per 28 a 0.

I Draghi palesano fin da subito le difficoltà dovute al roster corto, acuite dalla mancanza del qb titolare Roberto Simonetti fermo per squalifica, con la regia del gioco affidata a Lodolo.

Dopo un primo drive infruttuoso per gli ospiti, sono subito i Muli a colpire grazie ad una corsa di Massaria che infila la end zone per il 6 a 0. Il calcio per il punto addizionale del kicker Polla esce di poco a lato e il punteggio resta così bloccato.

I Draghi abbozzano una reazione affidandosi alle corse di Forgiarini che viene controllato, almeno in questa prima fase di gioco, con qualche difficoltà dalla difesa triestina; gli sforzi udinesi però non vengono ripagati e il corto calcio di allontanamento, dopo i tre tentativi, mette i Giuliani, all’inizio del secondo quarto, in ottima posizione offensiva, con poco più di 25 yard da percorrere per la segnatura.

È dopo un drive di avvicinamento che uno scatenato Massaria sguscia abilmente, con una corsa di oltre 20 yard, nelle linee difensive avversarie realizzando il raddoppio. Polla questa volta non sbaglia, mette l’ovale tra i pali e iscrive un punto sul tabellone.

Sono sempre i padroni di casa a mantenere l’iniziativa, i Draghi reagiscono con orgoglio operando qualche variazione nei giochi offensivi e tentano qualche lancio, ma la difesa triestina vigila con attenzione e neutralizza il gioco aereo.

Prima della pausa i Muli arrotondano il risultato. Partiti dopo il punt avversario dalla metà campo, si portano in zona rossa grazie alle corse del “massiccio” Poropat, passato – dopo gli esperimenti della scorsa stagione – dalla difesa al reparto offensivo.

È Massaria, con una breve corsa, a realizzare il terzo touch down dell’incontro.

Il kicker Polla, in una serata non esattamente all’altezza del suo “ranking”, fallisce il calcio per il punto addizionale e le squadre vanno negli spogliatoi sul 19 a 0.

Il terzo quarto vede ancora in scena il duetto Masseria – Poropat, ma è il veloce runningback triestino ad essere chiamato più spesso in causa. I Muli – forti anche del risultato – variano finalmente il gioco fino a questo punto caratterizzato da scarsa fantasia.
Il quarterback Colautti serve un pass corto a Stolfa che però non riesce a varcare l’endzone, fermato su 1 yard.
La realizzazione del 25 a 0 è quindi affidata all’impeto di Poropat.

Per rimediare un pasticcio durante il tentativo per il punto addizionale, i Muli provano la conversione da due punti, ma il guizzo di Fagnini che abbatte i piloncini rossi, non è sufficiente – secondo gli arbitri – a portare il pallone in end zone.

I Draghi riprendono con caparbietà ma senza costrutto, i Muli dopo 3 tentativi e una penalità che li allontana dalla end zone avversaria, tentano il field goal dalle 35 yard che Polla, con sicurezza, realizza.

Approfittando del risultato i triestini sperimentano, anche in vista degli impegni futuri, nuovi schemi per dare maggiore dinamismo mal gioco e mettono in campo anche alcuni rookie per permettere loro di fare esperienza.
In questa fase da registrare la “fiammata” dei Draghi che dopo il punt triestino tentano di approfittare di un bel “ritorno”, con la difesa che in affanno blocca con eccessivo ritardo la corsa del giocatore ospite.

Con l’idea di affondare almeno un “colpo”, i Friulani provano a lanciare ma Fagnini fa buona guardia e intercetta, ritornando per una quindicina di yard.

I Muli provano a ritoccare il risultato con un field goal dalla lunga distanza (40y), ma il calcio di Polla è decisamente corto e viene riportato per una decina di yard da un giocatore friulano che viene bloccato e messo in sicurezza dalla difesa di casa.

La partita si chiude quindi il risultato bloccato sul 28 a 0.

Una prestazione, quella dei Muli – al di là del risultato – decisamente più brillante di quella, opaca, vista alcune settimane fa contro i Sentinels.

I meccanismi dei reparti sono sembrati girare decisamente meglio, anche in fase offensiva, dove sarà necessaria, anzi obbligata, una certa varietà nel gioco, pur senza eccedere nel numero di “proposte” nel menù.

È piaciuta la scelta “aggressiva” del coaching staff nel voler giocare alcuni quarti tentativi, a fronte di un’abitudine più prudente, così come il mettere in azione, con alcuni lanci, i ricevitori.
Rimangono da perfezionare alcuni aspetti quali i placcaggi dei “corridori” avversari che hanno potuto compiere indisturbati ancora troppa strada.

Dopo una settimana di sosta i Muli, il 25 marzo, ospiteranno sempre sul campo di San Luigi i 29ers Alto Livenza, una sfida inedita, contro una squadra giovane ma ottimamente disposta.

Come nota di colore, al termine della partita, il wide receiver dei Muli, Nassim Djaba ha proposto ad una imbarazzata ma felice , fatta entrare in campo dalla tribuna, di sposarlo.

Testimone del sì, tutta la squadra schierata sul terreno di gioco.

21 Febbraio 2017 - I Muli fermati dai Sentinels

Esordio amaro nel Campionato di Terza Divisione per i Muli Trieste che escono sconfitti dalla prima sfida stagionale sul terreno dei Sentinels Isonzo.
I padroni di casa, che schierano un roster da serie superiore, dimostrano sul campo che le valutazioni della vigilia, che li indicavano come uno dei team favoriti del girone, erano fondate.

Il primo tempo registra un sostanziale equilibrio tra le due squadre, la difesa dei Muli, attenta e ben guidata dall'esperto Lorenzo Mezzetti, dimostra però di dover ancora metabolizzare i due uomini "mancanti" della Terza divisione

Mezze

Nonostante tutto i Triestini sono bravi a limitare i Sentinels, i placcaggi sono azzeccati e le coperture (abbastanza) accurate, tanto da costringere i "Bisiachi" a cimentarsi in alcune prodezze per concretizzare i giochi decisivi.

L'attacco triestino vede il debutto da titolare del quarterback Sasha Colautti che assume il gravoso compito di sostituire l'esperto qb Stefano Zingale, "fermato" dai limiti anagrafici imposti dalla Federazione.
Sostanzialmente positivo il debutto del nuovo regista che non si è dimostrato in affanno e ben protetto dalla propria linea non ha subito alcun sack.

handoff

L'offense ospite, affidata quasi esclusivamente alle corse di Massaria (119 le yard a fine partita), è generosa ma poco concreta, pur trovandosi in due occasioni a ridosso della end zone avversaria.

È un dato che la linea d'attacco molto "tecnica" dei Muli, nei prossimi incontri dovrà dimostrare maggiore "spietatezza" nei confronti delle difese avversarie, anche per concedere maggior spazio ai propri  runningback, costretti in questa partita a subire - forse troppo velocemente - le attenzioni dell'avversario.

Massaria

I Sentinels sbloccano il risultato solo nel terzo quarto grazie un pass che "pesca" l'ex Mattiussi in end zone; la trasformazione dell'extra point scrive 7 punti sul tabellino dei padroni di casa.

La partita sembra avviarsi verso una vittoria di misura delle "Sentinelle", ma un pessimo snap costringe il kicker Pecchi ad un affannoso salvataggio dal quale esce un punt molto corto che regala ai padroni di casa un ottimo punto di partenza nella metà campo giuliana.
Malgrado una difesa arcigna a ridosso della propria end zone, i Muli subiscono il raddoppio grazie ad un pass corto del qb Arduini su Brandolin.

La reazione triestina è coraggiosa, ma ha poca fantasia e viene letta agevolmente dagli Isontini che escono vincitori con la propria end zone inviolata.

Una prestazione più che discreta quella dei Muli - ovviamente da migliorare - ma che aiuta parzialmente a digerire la sconfitta.

Sarà importante - per il prosieguo del campionato - migliorare l'approccio mentale dimostrando in campo una maggiore fiducia nelle proprie capacità, con la consapevolezza che in questa stagione tutti i reparti saranno chiamati a dare sempre il 100%.

Le tre settimane che porteranno alla sentitissima sfida casalinga con i Draghi Udine - che lo scorso anno ha lasciato l'amaro in bocca - saranno utili per affinare i meccanismi offensivi e rivedere le criticità emerse nel primo incontro.

L'appuntamento è per sabato 11 marzo, con inizio alle ore 21, sul campo di via Felluga a San Luigi.

09 febbraio 2017 - Muli are back!


Meno di due settimane e ultimi allenamenti per i Muli in vista del primo impegno di campionato che prenderà avvio il 18 febbraio prossimo.

muliareback

Sono due le principali novità per il team giuliano: la prima è che il ruolo dell'head coach questo anno non verrà ricoperto da Michael (Mike) Ladwig - punto di riferimento dei Muli per un decennio - ma dall'esperto Marco Petri, da molti anni allenatore della difesa. La scelta di coach Ladwig di rimanere negli States, condizionata da esigenze familiari e lavorative, è stata spiegata alla squadra dallo stesso allenatore in un affettuoso video messaggio rivolto ai "suoi" Muli.
Come è stato precisato dal direttore sportivo Stefano Zingale, non si tratta però di un addio, Ladwig infatti continuerà a collaborare con i Muli dagli States, fornendo supporto tecnico all'allenatore Petri ad al suo collaboratore Alessandro (Pino) Crisanti, che oltre a rimanere allenatore del flag team femminile delle Ranzide, metterà a disposizione dei Muli le sue conoscenze maturate nel campionato di Terza Divisione, dove ha guidato, per una stagione e con brillanti risultati, i Sentinels Isonzo.
Prosegue anche la ricerca di un tecnico USA che però - è stato precisato - non rivestirà il ruolo di capo allenatore, anche per non stravolgere lo "schema d'impianto" della squadra.
Visti i tempi stretti e qualche pastoia burocratica che ha rallentato il percorso di ricerca , si dubita però di riuscire a definire il nome del tecnico statunitense prima dell'avvio del campionato.

Come già anticipato, la seconda novità di questa stagione è data dal fatto che i Muli parteciperanno al Campionato di Terza divisione, una realtà molto vivace la cui peculiarità è il numero di giocatori in campo (9), invece dei tradizionali undici.
"Non considero la scelta di scendere in terza divisione come una retrocessione - ha voluto sottolineare il presidente Marco Stolfa - ma una scelta ponderata, abbiamo davanti una nuova sfida, una nuova opportunità che, partendo con la giusta mentalità, potremo affrontare serenamente; sarà importante mettere in campo le nostre potenzialità e far valere e vedere quello che siamo".
Il Campionato che i Triestini si troveranno ad affrontare - il più affollato del panorama del football italiano - vede iscritte 43 squadre con una buona rappresentazione di tutto la penisola, con prevalenza geografica del centro nord; nove i gironi, organizzati - anche per un contenimento dei costi - su base territoriale.
Abbastanza eterogenea la tipologia dei team, che varia da formazioni di esperienza, ad altre di più recente costituzione fino ad arrivare ad alcuni farm team di compagini che militano in divisioni superiori.
Sei le partite previste nella regular season più gli eventuali playoff ai quali accederanno 24 squadre che verranno divise in due conference ( nord e sud), sulla base del loro posizionamento geografico.
I Muli sono stati inseriti nel girone H che raggruppa squadre dell'estremo nord-est assieme ai Sentinels Isonzo (Go), i Draghi Udine (scesi dalla seconda divisione), i 29ers Alto Livenza di Caneva (Pn) e unica squadra fuori regione, gli Islanders Venezia.

Nel girone H i Muli troveranno sul loro cammino i Draghi Udine, scesi come i Muli dalla seconda divisione. Una squadra, quella friulana, che sulla carta sembrerebbe indebolita dal passaggio di un nutrito gruppo di giocatori di esperienza nelle file dei Sentinels Isonzo, ma che probabilmente "sfrutterà" - per quanto possibile - i giocatori provenienti dal team under, per rimpolpare i ranghi lasciati sguarniti dai trasferimenti..

I Sentinels Isonzo allenati dal Michele Degrassi, nel recente passato allenatore dei Muli, sembrano essere il gruppo che si è maggiormente rinforzato, visto anche l'iniezione di giocatori provenienti da Udine.
I 29ers Alto Livenza sono una formazione di recente costituzione che lo scorso anno è riuscita comunque a prendersi qualche soddisfazione portando a casa due vittorie.
Gli Islanders Venezia, lo scorso anno primi del loro girone davanti ai Sentinels, sono un team solido e di esperienza con il quale i Muli si sono scontrati in diverse occasioni, quando i veneti militavano in seconda divisione.

Le file dei Muli hanno visto l'inserimento di alcuni nuovi giocatori, a guidare l'offense sarà il Qb Sasha Colautti, che lo scorso anno ha già avuto modo di lanciare alcuni palloni durante il campionato; non sono escluse però, visto il calendario lungo e con diverse pause, possibili rotazioni e l'inserimento di altri "specialisti". I Triestini potranno quindi contare su di un gruppo di esperienza che vede la sostanziale conferma di tutti i veterani, fatta eccezione per il runningback e qb Mattia Mattiussi, passato ai Sentinels e Michele Tramarin che, ritornato a casa dopo aver terminato gli studi all'università di Trieste, vestirà la maglia degli Islanders Venezia.

Note dolenti invece sulla questione del terreno di gioco per le partite casalinghe; nonostante i contatti e la disponibilità dei dirigenti, il Comune di Trieste non ha ancora indicato quale sarà il campo che ospiterà gli incontri in casa dei Muli, si auspica però che il problema possa essere presto risolto.
Per quanto riguarda il calendario, il primo impegno dei Muli sarà sabato 18 febbraio in trasferta in casa dei Sentinels Isonzo, mentre il primo incontro casalingo sarà il 4 marzo contro i Draghi Udine.
Un'agenda che prevede frequenti pause, aspetto che in genere ha abbastanza penalizzato i Muli sul fronte della concentrazione. Sarà uno dei compiti del coaching staff riuscire mantenere alta la motivazione agonistica e utilizzare al meglio le soste per perfezionare gli schemi e favorire l'inserimento e l'amalgama dei nuovi giocatori.

In tal senso è sempre valido l'invito rivolto a chi volesse entrare in contatto con l'affascinante mondo del football: ci si può recare al campo di via Locchi nei giorni di allenamento o prendere contatto tramite la pagina Facebook dei Muli.

“The will to win is important, but the will to prepare to win is vital.”
WWW.MULITRIESTE.IT
info@mulitrieste.it
Sede legale: Strada Di Fiume, 37 - Trieste (TS) - Friuli-Venezia GiuliaA.S.D. A.S.D.Triestina - Muli Trieste

tutte le immagini del sito sono di Massimiliano Rossetti
Webdesign: Sasha Colautti